PROFUMO DI DONNA

                                 mostra personale promossa dal pittore Simone Marchetti, nel giugno 2012, e dedicata ai multiformi aspetti dell'universo femminile .  

                                 con il Patrocinio di:  

g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g

ALLESTIMENTO PRIMA SALA

scorci dell'area espositiva e di seguito la prima opera proposta dall'artista in omaggio all'impianto romantico del celebre dipinto di C. Monet "donna con l'ombrellino"

seguito dal grande pannello dedicato all'universale simbolo grafico del "femminile" e dalle due opere ispirate all'inquietudine dell'attesa e dell'abbandono..

sopra i divani dell'area rinfreschi, dopo il piccolo dipinto ispirato all'emarginazione infantile, una delle opere più apprezzate dal pubblico e maggiormente intensa per originalità e forte partecipazione sociale: "IL SILENZIO DI CARTONE" dipinto e donato dal Marchetti all'associazione Italia-Tibet per un'asta benefica a favore delle popolazioni di quella regione.

     

e ancora, dopo le due opere scultoree raffiguranti il simbolo grafico femminile riproposto con un'ordinata accumulazione che riprende l'immagine guida della mostra e la postura innaturale di una ruvida catena simbolicamente identificativa di situazioni di disagio e coercizione, due opere legate, per contrasto, all'eleganza del movimento e della libertà...

...seguite da quelle ancora più intense di un'intima voluttà, e di una cosciente trasgressione erotica

 

immediatamente congelate dall'intenso disagio trasmesso delle ultime due opere (di prima sala) dedicate al sentimento del timore e dell'ansia.

g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g

ALLESTIMENTO SECONDA SALA

in cui si riprende, con misurata espressività, il discorso delle libertà trasgressive attraverso due opere legate, l'una all'amore saffico, l'altra alla ricerca di rischiosi paradisi artificiali

per proseguire, nuovamente, con due opere di impegno politico-sociale in cui una giovane donna dai lineamenti mediorientali sembra volersi togliere il velo in cerca di indipendenza, mentre la seconda, dai lineamenti occidentali, appare quasi impaurita dall'idea di un possibile ritorno a situazioni di isolamento ed emarginazione.

l'atmosfera si stempera nuovamente con i successivi lavori: una figura languidamente sopita, abbandonata in intimi pensieri e, a cornice di un corpo fieramente nudo consapevole della propria eccitante bellezza, due lavori dedicati ancora al ritrovato stupore e alle segrete passioni dei propri sogni..

... ma è nuovamente un urlo, lacerante e acuto a riportarci alla cruda realtà, fatta si di solidarietà, partecipazione e giustizia ma anche e troppo spesso, di violenza, emarginazione, sopraffazione, isolamento...

...realtà che la donna vive sempre in prima persona, un modo femminile che l'artista ha voluto sintetizzare con un opera di grandi dimensioni che riprende il titolo della mostra: PROFUMO DI DONNA; in cui un volto immobile, espresso da una dominante di colore freddamente liquido, in contrapposizione alla solare timbricità materica della chioma scossa, fissa l'osservatore in attesa di una parola, o forse, in procinto di pronunciarne ben più di una....
Altre informazioni sull'attività dell'artista Simone Marchetti possono essere apprese consultando il sito: www.marchetti.ws

g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g  g

Per tornare alla pagina: ARCHIVIOFOTOTECA

CLICCA QUI

Per riprendere la consultazione di altre pagine clicca nel SOMMARIO in alto